2005

Club House in Riyadh

Questo progetto di Club House è inserito in un complesso residenziale formato da diversi edifici progettati per ospitare i riti della vita quotidiana e le cerimonie di un’importante famiglia saudita.

La Club House è il luogo in cui si ritrovano i giovani con i loro amici.

Ospita una grande piscina coperta, lo spazio per le cene conviviali, i “Majilis” dove i ragazzi ricevono gli amici, zone per il gioco delle carte, camere da letto per gli ospiti, una sala cinematografica.

Questo edificio, in contrappunto con tutti gli altri edifici del complesso, seri e formali, si propone di offrire ai ragazzi che lo utilizzeranno il senso di libertà.

Spazio aperto e continuo, formato da un nastro che si avvolge coprendolo e collegando insieme volumi solidi volanti; un cono, dei cubi, un cilindro, quasi presi da un turbine d’aria in movimento.

Lo spazio interno ripropone il tema del giardino onirico, dove si cammina su un prato con grandi foglie cadute, tra file di tulipani giganti alle pareti, con nuvole che corrono nei soffitti ad indicare i percorsi, o coprono lo spazio della piscina, mosse dall’aria.

Il senso del movimento coinvolge anche le colonne strutturali che si staccano dal suolo con cerchi di luce e, diventate leggere, iniziano a danzare.

Architettura leggera, volante, staccata dal suolo, sagomata dal vento, permeata dalla luce che si riflette danzando sulle superfici dell’acqua, in continuità con il giardino che la circonda, che invita i giovani a liberare la fantasia e a fantasticare.

NKSLFJABFN