2013

Money Money

Nel tempo della società postindustriale, con l’avvento di una grande finanza che si è impadronita
del mondo, generando denaro dal denaro, i valori della ricchezza prodotta dal lavoro
o dall’industria sono diventati obsoleti, così come la libertà e la fantasia creativa, pedine di un
gioco guidato dal dio denaro per arricchire pochi impoverendo molti.
Così noi, architetti osannanti, celebratori dei potenti, abbiamo disegnato la poltrona per i tycoons
della finanza internazionale, quella che decide le guerre, i genocidi, impone tiranni e distrugge
paesi solo per accumulare ricchezza. Essi sono i veri sacerdoti del dio Denaro. Per loro abbiamo
disegnato un Borsellone, un Poltrono, capace di contenere lingotti d’oro, monete e gioielli, sul
quale possano rilassare le loro stanche membra – questi nuovi padroni del mondo. (F.A.)

money money